Sylvie @ Pilier Lomasti

Ep.1:

E’ la fine di luglio, il meteo è meglio di male, ma comunque non bene, di ralla ce n’è da non saper dove metterla. È la premessa all’onesto carico di mazzate che siamo andati a prenderci l’Andrea ed io, quel giorno al Pilastro Lomasti. In un modo o nell’altro comunque si saliva, finchè l’umido evoluto in pioggia, non ci ha convinto a scendere, e mancavano due tiri.

 

Ep.2:

Son passati un paio di mesi, e Sylvie è comunque rimasta un po’ sempre infilata qua e la nei discorsi o nei progetti. Non è che sia una via estrema per carità, ne una pietra miliare di chissà quale parete sul granitone di turno. Il fatto è che quella linea dall’inizio alla fine tocca veramente un gran bel pezzo di roccia! E poi quell’ultimo tiro sembrava proprio goloso, ed a noi il verticale da spalmare arcuando le croste ci piace veramente uno sproposito.

E via, di nuovo a salir la carrareccia che porta alla base del pilastro con l’Andre, il Gyppaz ed il Riccardo. Questa volta sempre con tanta ralla, ma anche con il concetto di REALE ASSENZA DI PRESE ben chiaro in testa. Ad insegnarlo era stato il Verdon. E difatti tutto va bene. L2 via liscio, i successivi 6b/c (chenonsonoproprio6b/c) pure, le condizioni sono uno spettacolo ed è proprio bello scalare!! Ce la siamo goduta dal primo all’ultimo metro. Ciliegia sulla torta quell’ultimo tiro era veramente uno spettacolo.

Segue apericena di grande importanza! Evviva la Val D’Aosta.

Ale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...