Novalesa Re-Discovery

Con i puntuali ritardi si comincia a riempire la possente Yaris del Niccolò, che con malcelata nonchalance fagocita zaini crashpad ed il prezioso rotolone regina che dicono non finisca mai.

Partiamo carichi in direzione casa di Fede, ed ecco il primo passaggio duro della giornata. Una non prevista maratona divide a metà Torino, noi in una, tutto ciò che ci interessa, nell’altra. Poco male, con un qualche minuto di pacati improperi riusciamo finalmente a superare l’ostacolo ed a rigirare il veicolo verso la Val di Susa, direzione Novalesa.

Un po’ di rettilinei, qualche svolta, e siamo finalmente circondati da massi, bosco e magnesite. Tutte le linee di questa zona meriterebbero di essere provate, dalle placche ai tetti. Ed è proprio questa l’ottica con cui iniziamo la giornata. Provare tutto, senza risparmiare ne pelle, ne suola, ne cioccolato, ne riso in bianco o bresaola primo prezzo. Ne uscirà una seconda giornata a Novalesa all’insegna della prima, capace di soddisfare l’infinita voglia di attaccarsi ad ogni metro quadro di roccia visto immaginato od anche solo sognato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...